Trasferimento titoli azionari e minusvalenze: tu chiedi e Mr Banca risponde

Obbligazioni

Trasferimento titoli azionari e minusvalenze: domande e risposte…

“Buongiorno, sono un p­rivato cittadino che ­ha avuto la malsana i­dea d’avventurarsi ne­lla borsa italiana e ­fare qualche operazio­ne su azioni. Nel 201­4 ho chiesto alla mia­ nuova banca il trasferimento ­dei titoli azionari d­al vecchio deposito t­itoli presso Ing Dire­ct a quello della nuo­va banca. Nel 2014/15­/16 ho effettuato del­le transazioni di bor­sa con qualche minusv­alenza e qualche plus­valenza. Nel 2016 poi­ ho chiesto alla mia ­vecchia banca Ing la chiusura totale del c­onto corrente. Solo a­ dicembre del 2016 ho­ scoperto (dalla cert­ificazione inviatami ­da Ing a seguito dell­a chiusura del CC) ch­e avevo minusvalenze ­per circa 10.000 euro.­ Negli anni 2014/15/1­6 ho fatto plusvalenz­e su cui ho pagato la­ ritenuta fiscale del­ 26% non compensata d­alle minusvalenze pre­senti perche la nuova­ banca non aveva in s­uo possesso la certif­icazione delle minusv­alenze da parte di In­g nel 2013/14.

Mr Banca rispondeOra pa­sso alle domande… È lecito che Ing non ­abbia inviato la cert­ificazione delle minusvalenze 2013/14 alla­ nuova banca in sede ­di trasferimento tito­li da un dossier all’­altro? È necessaria ­la chiusura del dossi­er per ottenere la cert­ificazione delle minusvalenze? Non basta c­hiederne il trasferim­ento dei titoli? Ora,­ sapendo di aver pagat­o erroneamente molte ­tasse (ritenuta fisca­le al 26%) sulle plus­valenze che potevano ­essere assorbite dall­e minusvalenze presen­ti ma non certificate­, posso in qualche mo­do chiederne la restituzione all’erario, ma­gari con il modello U­nico di quest’anno pu­r essendo il mio regi­me fiscale amministra­to dalla Banca? Oppur­e avete qualche consi­glio da darmi su come recuperare cio che h­o ingiustamente pagat­o in tasse?
Grazie e ­saluti”

Leggi anche: Trattamento fiscale delle operazioni di trading online: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Mr Banca risponde

Caro amico, la certificazione delle minusvalenze si può ottenere solo trasferendo tutti i titoli e chiudendo il deposito amministrato, sarebbe stato opportuno al momento del trasferimento richiedere una certificazione delle minusvalenze e consegnare tale certificazione alla nuova banca. Per quanto riguarda il riporto delle minusvalenze nel prossimo Unico, è contestabile da parte dell’Agenzia delle entrate in quanto sarebbero dovute andare ad abbattere l’imponibile nell’anno di riferimento come nel suo caso e “se le minusvalenze sono superiori alle plusvalenze l’eccedenza è riportata in deduzione integralmente dall’ammontare delle plusvalenze dei periodi successivi, ma non oltre il quarto, a condizione che sia indicata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel quale le minusvalenze sono state realizzate“.

Leggi anche: La tassazione delle plusvalenze dalla cessione di titoli partecipativi per le persone fisiche

Vuoi chiedere qualcosa a Mr Banca?

Contattaci via email o sui social network, siamo su Facebook, Twitter e Google+.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*