Sheila Bair e il suo pensiero sul Bitcoin

Secondo l’ex presidente della presidente della Federal Deposit Insurance Corporation il Bitcoin non ha alcun valore intrinseco……come il dollaro

In un’intervista tra Barrons e Sheila Bair, all’indomani della bancarotta di Lehman, sono stati affrontati molti temi di grande interesse dove lei stessa ha avuto occasione di esprimere il suo pensiero sulle possibili cause della prossima crisi finanziaria, sull’economia attuale, sul debito degli studenti, sul Bitcoin e le criptovalute in generale.

Sheila Bair ex presidente della Federal Deposit Insurance Corporation  (FDIC),  responsabile di assicurare i depositi bancari negli Stati Uniti, ha dichiarato di non essere troppo preoccupata della “cripto mania” che si è verificata durante il corso degli ultimi mesi e che non vede alcuna ragione per cui il Bitcoin e i suoi fratelli minori, debbano essere messi al bando.

Leggi anche:  Google e Bitcoin: il motore di ricerca influenza i mercati?

Secondo quanto dichiarato nella recente intervista, la Biar ha apertamente affermato che le criptvalute non dovrebbero essere vietate ed ha aggiunto che il valore delle valute, virtuali e non, è basato su quanto pensano le persone. Nemmeno le banconote verdi hanno, infatti, un valore intrinseco.

Non nasconde però il fatto che le valute virtuali abbiamo bisogno di una supervisione più serrata e puntuale.

“Il regolamento dovrebbe essere incentrato su una buona divulgazione ed educazione volta scongiurare il rischio frodi e l’utilizzo per attività illecite. Il mercato dovrebbe poi capire cosa valgano . Questo è quello che sta accadendo ora.” Ha detto.

Ricordiamo che la Bair che ha guidato la società governativa tra il 2006 e il 2011, ha già espresso in passato la sua opinione circa la regolamentazione delle criptovalute, ha prestato servizio presso la Commodity Futures Trading Commission ed è un membro del consiglio di amministrazione di Paxos, startup blockchain.
La Bair sostiene inoltre che ciò che potrà scatenare la prossima crisi finanziaria non sarà il Bitcoin.
Le cause, dal suo punto di vista,  saranno riconducili all’esposizione finanziaria delle banche derivante dai prestiti , al debito delle carte di credito e all’annoso tema del cyber-rischio che potrebbe avere un impatto devastante sui mercati.

Durante la sua intervista non ha speso anche alcune parole di saggezza per coloro che cercano di investire potenzialmente in criptovalute,  Consigliando di :

“Non mettere soldi in Bitcoin che non ti puoi permettere di perdere.” 

Le criptovalute hanno iniziato ad affrontare, dopo che il valore è salito alle stelle nel 2017, un crescente controllo regolamentare in tutto il mondo. Nonostante le recenti perdite, il Bitcoin è aumentato di oltre l’800% nell’ultimo anno. Dopo aver toccato un picco sopra $ 19.000 a dicembre, il prezzo del BTCUSD è sceso drasticamente fino a raggiungere in questi giorni un valore di $7000.

Il consiglio della Bair mette in evidenza quanto il mercato in generale, ma in particole quello delle criptovalute, sia volatile. Le oscillazioni sono molto ampie e repentine ed il rischio di perdere denaro è molto elevato. Bisogna sempre calcolare il potenziale rischio derivante da una “scommessa” soprattutto nel momento in cui si decide di far trading con CFD (Contracts For Difference) e con valori di leva molto elevati.

Investite sempre con saggezza il vostro denaro! 

 

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuta se comprendi a pieno il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.
 BrokerVotoLeggiVai
Plus500Plus5009>>>>
XMXM8.7>>>>
Markets.comMarkets.com8.6>>>>
iTrader.comiTrader.com7.4>>>>
BDSwissBDSwiss7.3>>>>
LibertexLibertex7.3>>>>
FxOroFxOro6.5>>>>
AinvestmentsAinvestments6.5>>>>
Trade.comTrade.com6.5>>>>
IQ OptionIQ Option6.5>>>>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*