Negli ultimi anni, con l’evoluzione delle tecnologie applicate a smartphone e tablet per la gestione delle proprie finanze, sono sorte tantissime soluzioni elaborate sia da istituti di credito “tradizionali” sia da nuove start up ideate da persone che hanno provato a sfruttare questo nuovo tipo di esigenza finanziaria. La patria dalla quale provengono la maggior parte di queste soluzioni è ovviamente la Gran Bretagna, ma anche l’Italia non sta a guardare e sforna da anni idee davvero innovative. In questa nostra recensione vogliamo focalizzare la nostra attenzione su una di queste novità che sta attraendo tanti risparmiatori: Oval Money.

Oval Money:  La recensione di Mr Banca

Iniziamo partendo da una rapida descrizione dei servizi, spiegando in maniera semplice cos’è Oval Money e su che principio si basa. Oval Money è una app disponibile su Android e IoS che permette di gestire in maniera ordinata e ponderata le proprie spese collegando al prorpio profilo più conti o più carte.

Scopri le altre recensioni di mr Banca

Come attivare e come funzionano i servizi di Oval Money

Il logo di Oval MoneyCreare il proprio account Oval Money è semplicissimo: basta infatti scaricare la app e seguire una procedura guidata molto semplice ed intuitiva.

Oval Money riesce a riconoscere le operazioni fatte in base alla categoria di spesa, consentendo così di tenere in ordine il proprio rendiconto. La peculiarità di Oval Money sta anche in un altro aspetto: infatti questa app opera come una sorta di salvadanaio digitale visto che, sempre con le indicazioni impostate dall’utente, accantona piccole somme finalizzate al raggiungimento di un determinato obiettivo economico. Proviamo a fare degli esempi su come un utente possa impostare le operazioni svolte attraverso Oval Money; si può decidere  di arrotondare in eccesso le transazioni svolte (pago in un negozio 47,50€, Oval Money arrotonda a 50€ e manda la differenza nel nostro salvadanaio digitale) oppure accantonare una somma fissa ogni volta che lo stipendio arriva sul conto principale. E’ possibile impostare anche degli obiettivi personali da raggiungere nella vita di tutti i giorni che, se non raggiunti, obbligheranno a versare un “obolo” al salvadanaio di Oval Money; ad esempio non compiere abbastanza attività fisica monitorata da Apple Health oppure postare più di una foto al giorno su Facebook. Gli obiettivi offerti da Oval Money sono tra più diversi, da quelli più tradizionali a quelli più fantasiosi, ma senza dubbio funzionano visto che come dichiarato dalla stessa società circa 250 mila utenti con età che va dai 25 ai 45 anni sono riusciti a risparmiare circa 125€ al mese.

Oval Pay: l’evoluzione del successo di Oval Money

Oval Money, il salvadanaio digitaleIl successo di Oval Money ha stuzzicato l’inventiva del board ed ha portato al lancio di Oval Pay, un sistema di pagamento che consente di sfruttare anche Apple Pay e Google Pay, ed ha come fine quello di far risparmiare il consumatore, utilizzando lo stesso principio di salvadanaio digitale della App principale.

Oval Pay ha anche il vantaggio di avere un proprio codice Iban ed una propria carta. Il 4 aprile scorso Oval Pay ha lanciato la promozione denominata “Tasso Fisso”, che garantisce un rendimento del 2% lordo annuo sulle somme vincolate per almeno 12 mesi sul proprio conto Oval Money. Il conto Oval Pay probabilmente diventerà operativo a tutti gli effetti ed a pieno regime dopo l’estate ma abbiamo già qualche elemento sul quale poter ragionare per capire se può essere la soluzione ideale al nostro stile di vita. Innanzitutto Oval Money ha garantito che il conto che verrà assegnato ad ogni utente avrà un Iban italiano e sarà completamente gratuito. La carta concessa ai possessori di Oval Pay effettuerà automaticamente degli arrotondamenti in eccesso per ogni acquisto fatto, dirottandoli sul conto Oval Money, decidendo poi se lasciarli in deposito oppure investirli in prodotti finanziari consigliati dalla app stessa. Sicuramente sarà possibile ricaricare la carta Oval Pay anche direttamente in più di 10.000 esercizi commerciali rendendo così gli sportelli fisici della banca tradizionale un lontano ricordo.

Ovviamente la peculiarità più importante di Oval Pay sta nel fatto che questo tipo di carta è progettata per risparmiare, con un “cervello digitale” che lavora per noi per ottimizzare i nostri acquisti ed i nostri risparmi. Senza dubbio un “unicum” nel mercato finanziario attuale.

Conclusioni

Chiudiamo dicendo che dietro questa start up ci sono grandi investitori che hanno scommesso su questo progetto come ad esempio Intesa San Paolo, con un esborso economico di oltre 7 milioni di euro. Una soluzione innovativa che ha come punto di forza quello di proporsi come una sorta di salvadanaio digitale, utile per accantonare quotidianamente piccole somme per investimenti o per spese future.