Le Winx sbarcano a piazza affari

Le Winx, le famosissime fatine “figlie” della società telematica Rainbow, sono pronte a volare nel mercato azionario di Piazza Affari. La stessa società Rainbow spa, diretta da Iginio Staffi e con sede a Loreto, in provincia di Ancona, operante nel settore dell’intrattenimento per bambini e ragazzi sin dal 1995, ha comunicato di aver presentato ufficialmente alla Consob, domanda di ammissione per quotarsi sul mercato telematico azionario STAR di Borsa Italiana.

L’offerta pubblica iniziale (Initial Public Offer), conosciuta in ambito finanziario con l’acronimo IPO, sarà per il momento rivolta esclusivamente a investitori esteri istituzionali e ad investitori italiani qualificati. Iginio Straffi detentore del 70,38% e la Viacom Holdings detentrice del 29,62% del capitale sociale saranno i soggetti che metteranno in vendita le azioni ordinarie. Entro maggio 2018 il gruppo, previa ovviamente autorizzazione e parere positivo sull’operazione da parte di Consob e Borsa Italiana, conta di portare a termine il progetto mettendo sul mercato circa il 40% del capitale sociale di Rainbow. Inclusa nell’operazione ci sarà anche l’opzione denominata greenshoe; essa permette al soggetto promotore dell’operazione di poter aumentare l’offerta di azioni in vendita per rispondere all’eccesso di domanda proveniente dal mercato azionario.

Nel nuovo statuto sociale che verrà approvato prima dell’inizio delle negoziazioni ci sarà l’introduzione del voto maggiorato e la clausola che prevede che la società non sarà contendibile. Infatti Viacom Holdings e Straffi si obbligheranno a non cedere, in tutto o in parte, le azioni detenute per un determinato periodo di tempo, assumendo in sostante degli impegni del “look-up”.

Molti operatori internazionali economici andranno ad investire i propri soldi su questa scommessa della società italiana creatrice delle fatine che hanno fatto innamorare milioni di bambine in tutto il mondo. Infatti l’Unicredit Corporate e Investment Banking, oltre che sponsor dell’operazione, sarà il Joint Global Coordinator, mentre il Credit Suisse Securities (Europe) Limited sarà il Joint Bookrunner. Kepler Cheuveux sarà invece lo specialist della quotazione in borsa.

Leggi anche : Spotify entra in borsa

Il Gruppo Rainbow opera nel mercato dell’intrattenimento sia animato che live action rivolto ai bambini sin dalla sua fondazione nel 1995 ed oltre a questo si occupa anche della realizzazione di prodotti cinematografici e televisioni a loro ispirati nonché alla loro commercializzazione e pubblicizzazione anche attraverso la concessione delle relative licenze. L’attività si è ampliata nel 2015 con l’acquisizione della società canadese Bardel Entertainment che ha permesso al gruppo Rainbow di produrre anche serie animate anche per aziende terze. Nel 2017 la società ha avuto una ulteriore evoluzione, seguita all’acquisizione del gruppo Iven, che ha ampliato la propria offerta di materiale cinematografico e televisivo rivolto a famiglie ed adulti, grazie ai film library e serie Tv di proprietà della Colorado Film Production.

L’anno scorso la Rainbow ha chiuso il proprio bilancio con 86,7 milioni di euro di ricavi con un utile netto vicino ai 2,9 milioni. Negli anni la società ha visto nascere e crescere diversi prodotti importanti, ma naturalmente quello che ha reso celebre questa casa di produzione è stato, senza dubbio la creazione, delle Winx. Il cartone animato delle fatine colorate è trasmesso adesso in oltre 100 paesi del mondo e grazie alla popolarità di Winx Club la casa di produzione originaria di Loreto ha chiuso oltre 500 contratti attivi con licenziatari a livello globale, che sviluppano una ampia gamma di prodotti di vario genere: dagli alimentari agli accessori per la scuola, oltre che agli “scontati” capi di abbigliamento e ai giocattoli. L’ultimo paese conquistato dalle Winx è stato il Giappone quest’anno, grazie anche alla collaborazione con Netflix. Un business milionario che adesso l’azienda guidata da Straffi vuole portare in borsa, dopo che già qualche anno fa aveva tentato l’ingresso al listino Star di Piazza Affari, evento non verificatosi per le condizioni avverse di mercato. Le Winx stanno, finalmente, per volare anche in Borsa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*