Gli azionisti di Apple potranno ringraziare Trump per la sua riforma fiscale?

Secondo gli analisti della Royal Bank of Canada l’indice EPS (earning per share) di Apple aumenterà di $4 nel 2018

Apple

Amici di Mr Banca, la riforma fiscale di Trump è oggetto di molte dicussioni in questo periodo. Oggi vogliamo rispondere ad un quesito che potrebbe interessare molti investitori: quali potrebbero essere gli effetti su un titolo blasonato come quello di Apple?

Gli azionisti di Apple potranno ringraziare Trump per la sua riforma fiscale?La Apple potrebbe chiudere questo 2017 con una capitalizzazione che sfiora i 1000 miliardi di dollari, e se questa ipotesi dovesse divenire realtà, sarà dovuto alle riforme fiscali volute dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Secondo gli analisti della Royal Bank of Canada, l’azienda di Cupertino potrebbe essere la maggiore beneficiaria dei cambiamenti nella tassazione a stelle e strisce. Questa riforma potrebbe essere il vento in poppa per la Apple aumentando l’EPS (earnings per share) di 4/4.50$ facendo così raggiungere alla capitalizzazione l’incredibile traguardo di 1 trilione di dollari.

Gli azionisti di Apple potranno ringraziare Trump per la sua riforma fiscale?

Il presidente degli Stati Uniti Trump e i maggiori esponenti del partito repubblicano hanno proposto un deciso taglio delle aliquote fiscali per i redditi prodotti dalle aziende, ma anche le persone fisiche potranno giovare di questi cambiamenti. L’obiettivo è portare la tassazione dall’aliquota del 35% fino al 20%.

Ovviamente, le possibilità di portare a termine questo progetto non sono molte. Non sarà facile visto l’enorme impatto che può avere a tutti i livelli della società americana. Per questo motivo si riscontra un profondo scetticismo, viste anche le difficoltà che i precedenti presidenti hanno avuto nel riformare il fisco per le aziende.

Miglior broker trading online azioni Apple CFD

AvaTrade

BROKER
AFFIDABILE

+ DI 250 STRUMENTI

Voto: 5.9
INFORMATIRICHIEDI

Stati Uniti - Mr BancaNello specifico la bozza delle riforma prevede:

  • Spese per interessi: una riduzione della tassazione oppure un aumento delle deduzioni per gli interessi, (sebbene al momento non sia stato ancora specificato alcun limite), anche se gli analisti della Royal Bank of Canada stimano che le spese per gli interessi siano considerate non deducibili.
  • Investimenti per il Capitale: su questa voce di spesa si ipotizza un risparmio per Apple che si aggira intorno agli 8 miliardi di dollari.
  • Aliquota sui profitti generati all’estero: si parla di una “flat tax” per tutti i profitti fissata al 20%. Questo, secondo il presidente Trump, favorirebbe il rientro dei capitali negli Stati Uniti.
  • Tassa per il rientro dei capitali dall’estero: anche qui non è stata ancora specificata l’aliquota, ma se ipotizziamo che questa sia fissata al 10% sui circa 220 miliardi di dollari detenuti all’estero da Apple e che potrebbero rientrare negli Stati Uniti… è facile fare i conti, e comprendere subito come questi numeri possano fare molto gola all’erario americano. Questi soldi potrebbero inoltre essere utilizzati da Apple per finalità strategiche come ad esempio un programma di buyback delle proprie azioni per aumentare il valore delle stesse.

Verrà raggiunta la soglia del trilione di dollari di capitalizzazione?

Avatrade su tabletNon è la prima volta che la RBC ipotizza il raggiungimento della soglia del trilione di dollari di capitalizzazione: anche lo scorso agosto, in vista del lancio del nuovo Iphone si era ipotizzato che si potessero creare le condizioni per raggiungere tale soglia.

Leggi anche: Apple, il peggiore andamento della sua storia nella settimana del lancio del nuovo Iphone

Purtroppo il lancio del nuovo device della casa di Cupertino non ha scaldato gli utenti ed il mercato, viste le tiepide recensioni ricevute dalla nuova linea di cellulari.

Non è un caso che il giorno della presentazione il titolo abbia accusato una flessione del 2.3% scendendo fino a 155.80$ per azione.

La RBC, sebbene abbia preso atto del brutto impatto dell’Iphone 8, continua a vedere il titolo come appetibile specialmente ora che ha un prezzo intorno ai 156$ e un “target price” di 180$.

L’appetibilità del titolo è riconosciuta non solo per la qualità dei prodotti offerti ma soprattutto per la capacità di generare utili rispetto ai ricavi oltre alla crescita prevista del EPS anche per l’anno fiscale 2017.
Secondo il team della Royal Bank of Canada, la Apple ha i fondamentali per poter crescere e continuare a macinare utili e record sotto ogni aspetto.

A breve sapremo se gli azionisti dovranno realmente ringraziare il nuovo presidente degli Stati Uniti d’America.

Stay Tuned!

Lista migliori broker trading online azioni Apple CFD

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuta se comprendi a pieno il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.
 BrokerVotoLeggiVai
Plus500Plus5009>>>>
XMXM8.7>>>>
Markets.comMarkets.com8.6>>>>
iTrader.comiTrader.com7.4>>>>
BDSwissBDSwiss7.3>>>>
LibertexLibertex7.3>>>>
FxOroFxOro6.5>>>>
AinvestmentsAinvestments6.5>>>>
Trade.comTrade.com6.5>>>>
IQ OptionIQ Option6.5>>>>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*